venerdì 6 gennaio 2012

Ma voi aspettate i Re magi o la befana? Galletta dei Re



Si sa, con l'Epifania la stragrande maggioranza delle persone festeggia l'arrivo della befana che porta tanti doni, dolci per lo più che possano riempire quanto più possibile la calza. Ricordo quando ero bambina e golosa (ma questo lo sono ancora :-P) ed aspettavo trepidante di vedere quante ghiottonerie mi avrebbe portato la cara vecchietta. Ricordo le telefonate per parlarle e chiederle magari anche qualche gioco, con gli adulti che componevano il numero di telefono giusto...e già, perché loro lo sapevano, ma a noi bambini non era dato conoscerlo. E quando ormai era passata la festa, il desiderio di parlarle nuovamente, di chiederle qualche altro dolciume, che miracolosamente compariva nel forno di casa quasi quotidianamente fino almeno alla fine del mese...ma io e la befana eravamo diventate amiche con tutte le chiacchierate telefoniche che avevamo fatto, per cui un occhio di riguardo per me lo aveva sicuramente.


Nonostante la nostra "amicizia" però provavo un certo timore nei suoi confronti, una forma di rispetto diversa da quella provata verso Babbo Natale, il vecchietto buono che mai avrebbe "punito" un bambino monello, lui no, ma la befana aveva un'arma per smascherare tutte le marachelle: il carbone! E guai a trovarselo nella calza, le domande arrivavano subito: "cosa hai fatto per meritarti il carbone, cosa hai combinato?" E lì scappava che la volta tal dei tali avevo detto una bugia o che avevo fatto uno scherzetto a mio fratello e così al carbone si aggiungeva magari anche una punizione tipo che per un giorno non potevo mangiare dolci....noooo, proprio quando ne avevo ricevuti tanti...:-((( ma questo capitava moooolto raramente ;-)



Certo è bello pensare alla befana ed ai dolci che porta, ma spesso si dimentica che con l'Epifania si festeggia l'arrivo dei Re Magi a Betlemme. Tra i tanti dolciumi che vengono preparati in questa ricorrenza, dal carbone home-made ai biscotti di forme più svariate, senza dimenticare i cioccolatini, mi ha colpito un dolce che viene preparato in Francia: la gallette de les rois. Non so se in realtà questo dolce viene preparato per questa ricorrenza ricordando le sue origini sacre, o più semplicemente perché all'interno della torta viene nascosta una fava e chi la trova viene incoronato re, o regina, per un giorno.


Galletta dei Re (da "Il grande libro di cucina di Alain Ducasse-Dessert")

Ingredienti
Per la pasta sfoglia:
230 g di farina 00
50 g di farina 0
12 g di sale
14 cl di acqua

Burro per i giri
400 g di burro
120 g di farina 00

Crema di mandorle
200 g di burro
400 g di TPT (Tanto per tanto, miscela di farina di mandorle e zucchero a velo)
20 g di polvere addensante (amido di mais)
2 uova
crema pasticcera q.b. (50% dell'insieme)

uovo per dorare q.b.
zucchero a velo
1 fava


La preparazione deve avere inizio il giorno prima.
Preparare l'impasto di base amalgamando delicatamente gli ingredienti; la pasta deve essere abbastanza soda.
Avvolgerla nella pellicola da cucina e lasciarla riposare in frigorifero.
Per realizzare il burro dei giri, amalgamare la farina con il burro spezzettato. Modellare in una forma quadrata, avvolgerlo nella pellicola da cucina e fare riposare in frigorifero.
Stendere il burro per i giri formando un rettangolo 15X40 cm.
Stendere a parte l'impasto di base fino a due terzi della lunghezza del burro, per un eguale larghezza. Adagiare l'impasto di base sl burro e ripiegare a dare un giro semplice, poi un giro doppio.
Fare riposare 4 ore al fresco e dare un altro giro doppio.
Terminare con un giro semplice. fare riposare per 1 ora al fresco, poi tagliare in panetti da stendere.
Preparazione della crema di mandorle: lavorate il burro a pomata nell'impastatrice e con una frusta in prima velocità aggiungete la miscela di farina di mandorle e zucchero a velo, incorporate poco alla volta le uova, poi la polvere addensante e la crema pasticcera, il cui peso deve rappresentare la metà di quello della massa cui viene aggiunta (circa 350 g).
Modellatura e farcitura: stendere la pasta sfoglia ricavando due sfoglie sottili del diametro di 24 cm e spesse 1,5-2 mm.
Spalmare sulla sfoglia spessa 1,5 mm la crema di mandorle, lasciando un margine di 2 cm. Disporvi la fava, facendola sprofondare leggermente. Spennellare leggermente di acqua il bordo della pasta sfoglia non coperto di crema, poi posizionare la seconda sfoglia sulla prima. Sigillare la due sfoglie premendo sul bordo con un dito.
Spennellare di uovo la superficie della galletta, poi metterla da parte al fresco 20 minuti, in modo da facilitare la decorazione.
Estrarre la galletta dal frigorifero e ridarle una passata di uovo. Cominciare ad inciderla con un coltellino appuntito, senza forare la pasta.
Cottura della galletta: cuocere per 30 minuti a 200°C nel forno ventilato, sfornare la galletta  e tenerla da parte su una griglia.
Portare il forno a 240°C per qualche minuto, poi spegnerlo. Spolverizzare la galletta di zucchero a velo e rimetterla nel forno spento, il tempo necessario per glassarla. Fare raffreddare su una griglia.



Spero che la befana non si offenda, ma con questa torta è stato un vero piacere festeggiare i Re Magi :-P

Con questa ricetta partecipo al contest "La frutta secca!"


ed al contest "Ricette delle feste fra tradizione e innovazione"







Anna Luisa

20 commenti:

  1. ma è per quello che hai sposato il befano????
    :))

    stupenda la tua galette, perfetta in ogni particolare. posso assagiare?
    un bacione

    RispondiElimina
  2. Wow, che meraviglia questo dolce, non lo conoscevo ma dev'essere squisito!Qui da noi non si festeggia la Befana, piuttosto S.Lucia, ma è bello ricordare anche per me l'attesa di quando ero piccolina ... il nr. di telefono però non ce lo avevano i miei :) :) Buon we lungo, smack!

    RispondiElimina
  3. Anche io aspettavo la Befana e i re magi (non vedevo l'ora di metterli nel presepe...) anche se mi portava anche tanta tristezza per il fatto che finivano le feste...
    P.s. Ma posso usare anche la finta sfoglia per fare un finto gallette de rois?

    RispondiElimina
  4. La befana sarà comprensiva, immagino, e lascerà volentieri il posto a qualcuno più....grande di lei .
    La Galette è splendida !

    RispondiElimina
  5. Ciao belli! Ma che buona deve essere.. e che bella storia è legata a questo dolce, non le conoscevo! Buona befana carissimi!
    Baci, Lecoq

    RispondiElimina
  6. ...certo che aspetto la Befana!! :D
    volevo fare anch'io un dolce per la befana tipo la couronne des rois francese ma la febbre mi ha stroncato :)
    ottima la vostra gallette! e buona benafa!

    RispondiElimina
  7. Io aspetto tutti e 4 e a giudicare dal libro di Monetrsino, ad una guida Lonely e al seguito della guida...direi che ho ricevuto dei regali da regina..... e ora mi copio anche questa ricetta spettacolare...direi che non posso lamentarmi anche se non sono più una bambina :DDD , buon weekend, baci, flavia

    RispondiElimina
  8. vi è venuta perfetta!
    proprio bella bella bella, e poi la galette du rois, anche se non l'ho mai fatta, mi ispira molto, sia per la storia che per il ripieno

    RispondiElimina
  9. Ciao, bè se con questa torta si festeggiano i magi....bè pure noi aspettiamo quelli e speriamo la befana non si offenda!
    Buonissima con questa crema di mandorle all'interno!
    Bacioni

    RispondiElimina
  10. @Eleonora....hai capito tutto! :-DDD
    Serviti pure...anche se sicuramente è più buona la tua ;-)
    @Maggy, era una ricetta vista sui libri ed ogni anno pensavo di farla, poi non ci riuscivo mai...:-(((
    Se vuoi posso chiedere a mio padre se da qualche parte ha ancora annotato il numero della befana...:-)))
    @Stefania, la mia tristezza era che il giorno dell'Epifania veniva passato sui libri a recuperare i compiti arretrati O_o
    Penso che verrebbe bene anche con la finta sfoglia ;-)
    @Arabafelice, speriamo,altrimenti l'anno prossimo...tutto carbone! :-D
    @Lecoq cara, sono felice di averti fatto conoscere un nuovo dolce...in realtà l'ho scoperto ora anche io, perché, tranne sui libri, non lo avevo mai visto ;-)
    @Gio, mi dispiace che tu abbia la febbre, magari potrai fare la corona l'anno prossimo...così ci inviti anche a provarla ...:-D
    @Flavia, vedo che anche tu hai ricevuto tanti bei regali...il mio maritino ha apena ricevuto...il seguito ;-)
    @Gaia, ammetto di essere soddisfatta del risultato...considerando che è la prima volta che la vedo dal vivo...^_^ Merita sicuramente di essere provata ;-P
    @Manuela e Silvia, come dicevo all'Arabafelice...speriamo che la befana non si offenda ;-)
    Baci
    Anna Luisa

    RispondiElimina
  11. Io adoro la gallette des rois, con quella farcia deliziosa alle mandorle e il giochino della fava ^__^! E la vostra è semplicemente fantastica *O*!

    RispondiElimina
  12. da noi la befana non esiste aspettiamo i re magi

    RispondiElimina
  13. so che questo dolce posso solo guardarlo in fotografia perchè con tutto quel burro non potrò mai farlo, cercherò di consolarmi al pensiero che da bambina non ho subito il trauma della befana che poteva punirmi con un sacco di carbone, qui non la festeggiamo, ma l'è dura come consolazione, non so se funzionerà!

    RispondiElimina
  14. Davvero bella e originale:) Ti ammiro la sfoglia in casa è la ciliegina sulla torta!!;)

    RispondiElimina
  15. @Julie, anche a me la farcia è piaciuta molto ed il giochino della fava...troppo divertente ^_^
    @Günther, allora questa è la torta che fa per te ;-)
    @Dauly, fai come me, chiudi gli occhi e non pensarci, addenta la torta ed il burro verrà dimenticato all'istante ;-)
    @Maria, grazie! ^_^ Anche io "temevo" la sfoglia home made, poi fatta una volta...diventa semplicissima ;-)
    Baci
    Anna Luisa

    RispondiElimina
  16. spesso avevo mandarini e carbone...ero la più birichina della famiglia... :-) per poi trovare in fondo alla calza tanti bei dolciumi... :-) speciale questo dolce. Bello da guardare e sono sicura buonissimo da mangiare.
    Mi piace l'idea di un blog condiviso tra marito e moglie non ce ne sono moltissimi e allora in bocca al lupo per la vostra bella avventura!!!
    a presto
    Pippi

    RispondiElimina
  17. Buon 2012!! Non è che tra i buoni propositi del nuovo anno c'è una bella ricetta cotta al VAPORE ?!

    Ti aspetto !!

    http://www.archcook.com/2011/11/una-nuova-sfida-contest-cottura-al.html

    RispondiElimina
  18. ...io aspetto quella gallette. Quella della foto, intendo... intanto, son sicura che non l'avrà assaggiata nessuno :-)
    Sei ufficialmente disumana
    ale

    RispondiElimina
  19. @Pippi, è divertentissimo guardare i bambini quando scoprono di avere del carbone nella calza, per poi trovarvi i dolciumi...immagino la tua faccia da piccola ^_^
    Fortunatamente Fabio ed io abbiamo tanti interessi in comune e come nella vita, anche qui sul blog abbiamo trovato un bell'equilibrio...grazie per l'augurio ^_^
    @Archcook, buon 2012 anche a te! Cuociamo molte cose al vapore, è un metodo di cottura che amo molto...inizio a pensare a qualcosa da fare per il tuo contest e correggo la data di chiusura sul contest roll...grazie dell'invito ;-)
    @Ale, siiii, sono sadica e disumana! ahahahaha (risata sadica):-DDD e pensare che te ne volevo offrire una fetta....ma siccome sono disumana....la offrirò a qualcun altro...:-DDDD
    Baci
    Anna Luisa

    RispondiElimina
  20. La Galletta è perfetta, e se ne lasciavi una porzione alla Befana credo proprio che non poteva che congratularsi ;-). Grazie anche per il "contest roll" che è veramente un'idea stupenda!

    RispondiElimina