giovedì 1 dicembre 2011

Vi serve un'idea per la cena della Vigilia? Terrina di Salmone e gamberi su misticanza e uva



Certo che dopo avervi fatto tutto quel preambolo nel post del baccalà alla livornese, in cui dicevo che non amo il pesce e tanto meno amo cucinarlo, sono certa che vi stupirà la ricetta di oggi, a base di salmone.
Ricevo tanti complimenti, più o meno meritati, ma non sono una che si crede una chef, né credo di saper cucinare al pari dei cuochi che hanno studiato ed hanno fatto della cucina il loro mestiere. Sono cosciente di avere tante lacune ed in particolare i piatti di pesce sono il mio punto debole. Non per questo sono una che demorde, anzi, voglio imparare e per farlo devo provare, sperimentare, giocare in cucina almeno fino a raggiungere un livello accettabile. Proprio per questa ragione ho pensato di preparare un altro piatto di pesce, non difficile né complesso, ma da qualche parte bisogna pur iniziare.
Se a questo si aggiunge che tra poco è Natale, ma prima c'è la Viglia a cui pensare, con una cena rigorosamente di magro, dove i piatti di pesce primeggiano e le idee su cosa preparare servono un po' a tutti, viene naturale pensare che questo piatto si presta benissimo ai nostri festeggiamenti e vi assicuro che anche gli ospiti più intransigenti, che non amano particolarmente il pesce, apprezzeranno questa terrina.




Terrina di Salmone e gamberi su misticanza e uva (da "La tavola delle feste" di S. Barzetti)

Ingredienti per 8 persone
600 g di polpa di salmone
16 code di gambero di qualità Black Tiger
4 albumi
1 rametto di aneto
2 carote
misticanza di insalate autunnali
300 g di uva nera
1 arancia
olio extravergine d'oliva
sale e pepe

Mondate e lavate le carote e le foglie di sedano. Mettete nel vaso del frullatore con la polpa di salmone, l'aneto, gli albumi, sale e pepe e frullate per ottenere un composto omogeneo.
Versatelo in una bastardella e amalgamatelo con i gamberi, precedentemente sgusciati e sminuzzati.
Sistemate il preparato su un foglio rettangolare di carta da forno, arrotolatelo dandogli la forma di un salame, avvolgetelo ulteriormente con un foglio di carta alluminio, serrate le estremità e lessate per 25 minuti, raffreddate per almeno 3 ore.
Lavate gli acini d'uva, tagliateli a metà ed eliminate i semini. Mondate e lavate le insalate e sgocciolatele bene.
In una ciotola emulsionate il succo d'arancia con olio, sale e pepe.
Togliete la preparazione dall'involucro, tagliatela a fette dello spessore di circa 1 cm, sistematele su letti di insalatine, guarnite con l'uva e condite con il dressing all'arancia.

Note mie: da non sottovalutare il dressing all'arancia, non perché copre il sapore del salmone (:-D), ma lega particolarmente con questa terrina.



Ormai ho intrapreso una strada senza ritorno: voglia imparare a cucinare il pesce!...se poi qualcuno vuole darmi una mano facendomi un corso di cucina a tema, lo apprezzerei molto ^_^


Con questa ricetta partecipo al contest "Dall'antipasto...al dolce"


Anna Luisa

13 commenti:

  1. ma che delizia...segno la ricetta...

    RispondiElimina
  2. dev'essere buonissimo questo piatto.. ho un problema con l'omo che non sopporta il pesce xò.. :( x cui anche a Vigilia.. niente magro!
    che sacrifici tocca fare..
    un abbraccione
    Paola

    RispondiElimina
  3. Mi piace davvero! Bravissima!
    Anna

    RispondiElimina
  4. Ragazzi...ma certo che serve un'ideuccia per la Vigilia! Se è come questa poi... Bravissimi! Molto chic...
    simo

    RispondiElimina
  5. Meravigliosa questa terrina, Annalù! :-p
    A me il pesce piace molto, ma mi sono avvicinata alla sua cucina solo da pochi anni perché ero presa da un non giustificato timore reverenziale. Adesso che l'ho superato preparo il pesce più spesso e questa terrina è favolosa. Grazie davvero!

    RispondiElimina
  6. a me tocca il pranzo di natale :)
    ma questa terrina mi può essere utile per una delle tante cene del periodo natalizio, la trovo stra-invitante :P
    buon we

    RispondiElimina
  7. ciao ,complimenti per il vostro blog....saremo colleghi nel contest della cara Lecoq, se vi venite nei miei blog: www.mariabellemaison.blogspot.com- www.ledolcicreazionidimariablog.blogspot.com

    RispondiElimina
  8. Per una che non ama cucinare il pesce e che non lo sa cucinare, devo dire, che riesce a nasconderlo benissimo!!! :*

    RispondiElimina
  9. Per fortuna stai ancora imparando a cucinare il pesce! Bellissimo piatto, lo tengo seriamente in considerazione per la Vigilia. A presto, Babi

    RispondiElimina
  10. @Raffy, sono felice che questa ricettina ti sia piaciuta ;-)
    @Paola, diciamo che questo rotolo potrebbe essere un buon inizio per portare tuo marito a mangiare il pesce...lo ha mangiato anche mio suocero che storce la bocca ogni volta che gli nominiamo il pesce...:-D
    @Anna, grazie! Spero che tu possa provarlo, è veramente buono :-P
    @Simo, ormai siamo tutti a caccia di idee...speriamo di trovarne abbastanza per le dolci boccucce che avremo a pranzo ;-)
    @Mapi, grazie, sei di grande conforto...chissà se diventerò brava come te...^_^
    @Gio, a noi toccano Vigilia e pranzo di Natale...AAA cercasi idee disperatamente...e magari anche qualche aiuto... :-DD
    @Maria, avevo proprio pensato di passare a conoscerti, ma tu sei stata più veloce ;-) Vengo subito ^_^
    @Stefania, capiamoci, il pesce mi piace però solo quando è cucinato bene e meglio se da altri...;-)
    @Babi, è un piatto semplicissimo ed il salmone non richiede una tecnica particolare...spero di migliorare...;-)
    Baci
    Anna Luisa

    RispondiElimina
  11. grazie per l'idea, mi sembra perfetta! buona settimana...

    RispondiElimina
  12. Cari Anna Luisa e Fabio,adoro il pesce e adoro gli antipastini sfiziosi come questa bella terrina. Grazie di avermela mendata per il mio contest! Buona serata

    RispondiElimina
  13. @Chiara grazie a te per aver apprezzato questo piatto ;-)
    @Batù, siamo felici di aver partecipato al tuo contest con questa ricetta...che è veramente buona :-P
    Baci
    Anna Luisa

    RispondiElimina