venerdì 25 febbraio 2011

Quando una polpetta parte dalla Svezia per arrivare a Napoli...Tartine di polenta con scarole e polpette di baccalà



Alzi la mano chi non ha mai mangiato le polpette svedesi. Certo, non tutti avranno avuto il piacere di assaporarle nel loro Paese di origine, ma dall' Ikea...come si fa a resistere? Già immagino la faccia di Alessandro quando leggerà questo post, si domanderà sicuramente come sia possibile che mi piacciano le polpette dell'Ikea che di certo non sono neanche lontanamente buone quanto quelle della sua nonna. Ebbene si, lo ammetto, sono rea confessa, mi piacciono. Ma l'unica cosa che io possa dire in mia discolpa è che le polpette mi ricordano una brevissima vacanza che abbiamo trascorso a Stoccolma qualche anno fa.
Ovviamente quando Alessandra ha annunciato che la ricetta del mese per l' MT challenge sarebbero state le polpette e guarda caso il vincitore del mese scorso era proprio Alessandro, ho ripensato subito a quelle buonissime polpette, ma di certo dovevo apportare loro delle modifiche, così ho pensato di farle, anzichè di carne, di pesce. Immediatamente mi è venuto in mente il salmone, ma allargando i miei "orizzonti culinari", pur restando nei Paesi scandinavi, ho optato per il baccalà. Certo, perchè il baccalà norvegese è famoso, ma è pur vero che qui a Napoli siamo grandi consumatori di questo pesce e lo prepariamo in tanti modi. Ed allora, cosa accade se delle polpette svedesi passano per la Norvegia ed arrivano fino a Napoli? Semplice, ne risultano dei simpatici antipastini ;-)




Tartine di polenta con scarole e polpette di baccalà

Ingredienti
200 g di polenta (magari la taragna)
1/2 L di acqua
1 scarola piccola
350 g di baccalà
50 g di mollica di pane
1/2 cipolla
20 g di uvetta
10 g di mirtilli rossi disidratati e fatti rinvenire in acqua (facoltativi)
50 g di farina
1/2 bicchiere di brodo di pesce
100 g di fagioli lessati
olio
sale q.b.


(cliccare sull'immagine per vederla ingrandita)

Preparare la polenta: in un tegame mettere l'acqua, portarla ad ebollizione, salarla e versare a pioggia la polenta. Cuocere, mescolando, per 30-40 minuti. Stendere la polenta su un foglio di carta da forno, porvi un altro foglio sopra e con il matterello stenderla dello spessore di 2-3 cm. Fare raffreddare completamente, tagliarla a quadri e grigliarla da entrambi i lati.
Lavare bene la scarola, metterla in un tegame, salarla e cuocerla con un dito di acqua. Quando sarà cotta, scolarla, strizzarla e saltarla in padella con un cucchiaio di olio. Aggiungere l'uvetta che avremo precedentemente ammorbidito in acqua fredda.
Per le polpette: ammorbidire la mollica di pane con un po' di acqua, strizzarla bene ed unirla al baccalà frullato.Se si vuole, aggiungere i mirtilli rossi per dare un tocco di colore, salare ed impastare il tutto. Formare quindi delle polpettine e rotolarle nella farina. In una padella dai bordi alti fare soffriggere la cipolla tritata con 3-4 cucchiai di olio, unirvi le polpette. Rosolarle bene da tutti i lati senza però girarle tropo frequentemente e quindi aggiungere 1/2 bicchiere di brodo di pesce e portarle a cottura.
Preparare la crema di accompagnamento, frullando i fagioli con un filo d'olio ed un paio di cucchiai della loro stessa acqua di cottura.
Disporre su ciascuna tartina di polenta una forchettata di scarole ed una polpetta di baccalà ed accompagnare il tutto con la crema di fagioli.



Mentre cucinavamo è venuto a guardarci anche un ospite inatteso, un piccolo troll. Chissà se era curioso o voleva rubare una polpetta...

Anna Luisa

32 commenti:

  1. Facciamo una premessa, non ho mai assaggiato le polpette svedesi...ne originali ne di franchising :P ma per questa declinazione partenopea mi sono venuti gli occhi a cuoricino! :P heheheheehehe Capisci che mort di fam...pardon buongustaio che sono?! :P ahahahahahaha
    Tornando a noi invece sono troppo di parte ma davvero mi sarebbero piaciute indipendentemente dalla fonte
    Ah dimenticavo le foto sono spettacolari ma non lo dire a Fabio che altrimenti mi dice che fanno la differenza (ed in parte ha ragione!) ed io non la penso così! :P ahahahahahahahahahhaahha

    RispondiElimina
  2. A very elegant dish, with severall of my favourite flavours :)

    RispondiElimina
  3. che bello il troll :-)))) polpette davvero di gran class :-) a presto Ely

    RispondiElimina
  4. MArò......meno male che non viene votata la foto migliore...se non in connubio a questa bellissima ricetta vincevate anche questo mese...e non è giusto...ci sono PERSONEEEEEE che non hai mai vinto!!!!

    Buon weekend...Flavia

    P.S. finalmente tra 10 giorni IKEA apre anche qui......

    RispondiElimina
  5. GRANDIOSE!!! non c'è storia tra la polpetta partenopea e quella svedese!!!
    Complimenti
    Cris

    RispondiElimina
  6. nemmeno io ho mai assaggiato le polpette svedesi ma non mi farei alcun problema ad assaggiarle.. sono estremamente divine alla vista.. bacino

    RispondiElimina
  7. Anch'io non ho mai assaggiato le polpette svedesi, ne quelle dell'Ikea, però queste tue così particolari le mangerei volentieri!
    Buona giornata

    RispondiElimina
  8. Sarà che l'aspetto è davvero invitante, sarà che in uno slancio masochistico sto leggendo questo post proprio all'ora di pranzo, ma il mio stomaco ha protestato grugnendo: "Che cattiveria guardarle (e leggere tutti gli ingredienti) e non poterle assaggiare!!". Io le polpette svedesi le ho mangiate sia da Ikea che in Svezia (sicuramente migliori) ma, nonostante mi piacciano molto, queste polpette partenopee non sembrano seconde a nessuno!

    RispondiElimina
  9. anche a me piacciono quelle dell'Ikea, lo confesso, sarà la salsina agrodolce...
    però passando per Napoli sono arricchite molto, complimenti!

    RispondiElimina
  10. Sono felice che qualcuno si ricordi che avete già vinto... ed è solidale con me!!! ;)

    RispondiElimina
  11. Io non le ho mai assaggiate le polpettine svedesi ma s ono sicura che mi piacerebbero !
    Invece, sapete che sono stata a Napoli per lavoro, non l'avevo mai vista prima.... stupenda ! Tra le cose buone che ho assaggiato e sono tante sono stata viziata con un caffè alla nocciola buonissimo (io non bevo mai caffè !). Un abbraccione

    RispondiElimina
  12. se puoi falla arrivare anche a casa mia eheh! buonissime queste polpette svedesi! gnammi!

    RispondiElimina
  13. Ciao! Sono sicura che, se mi piacesse il baccalà, mi "leccherei i baffi", purtroppo per questa ricetta non saprò mai dirti nulla; invece ho provato i due colori e devo dire che è una vera bontà!
    Alla prossima. Lecoq

    RispondiElimina
  14. sono meravigliose...certe volte è bello il frutto della globalizzazione...

    RispondiElimina
  15. l'aspetto è ottimo, come resistere? buon we, un bacione....

    RispondiElimina
  16. Ciao! Mi piace il vostro blog e anche questa ricetta! :) Molto innovativa, mi piace come avete creato con ingredienti italiani un piatto dal carattere nordico! Non sono una grande amante di pesce, ma assaggerei volentieri queste polpettine!! :D

    RispondiElimina
  17. Beh non si può certo passare dall'Ikea senza assaggiare le polpette...consoliamoci in attesa di poterle gustare in Svezia!
    Magnifico piatto!!! Complimenti per il bellissimo blog!

    RispondiElimina
  18. il troll voleva rubare una polpetta... magari anche tutte, all'occasione! E ci credo bene! Un ottimo mix di sapori e... io non amo il baccalà, ma così lo assaggerei volentieri! Un bacio

    RispondiElimina
  19. ! io ho provato una volta sola quelle dell'IKEA e devo dirti che per me sono state una delusione , 10000 volte meglio quelle classiche fatte da mia mamma.. la tua versione a metà strada tra svezia e napoli è da provare !!!

    RispondiElimina
  20. nulla dire ma sono molto affascinanti un sapore e uan vista che ti prende solo a leggerla

    RispondiElimina
  21. Per niente male l'idea;anche se le polpette ,le nostre napoletane sono tutt'altro,non mi dispiace la versione con il baccala'.Sempre pieni di idee innovative,sempre bravi,Lisa.

    RispondiElimina
  22. Potevo pure risparmiarmi di partecipare al MTC....
    Trovo le vostre polpette strepitose sia nella presentazione, che nella girandola di sapori che solo la "rotondità polpettosa" può legare assieme :)

    Bacio e buona serata
    diariodicucina.blogspot.com

    RispondiElimina
  23. @Gambetto,mi piacerebbe che tu provassi sia queste polpette che quelle svedesi perché ti assicuro che meritano entrambe :-P Non preoccuparti, non dirò nulla a Fabio, resterà un segreto...:-DDD
    @Su, thank you, we can say that it is a dish that brings together all European cuisine ;-)
    @Ely, quello è uno dei quattro trolls che ho a casa (Fabio escluso :-DDD), accompagnati ognuno da uno gnomo che lo tenga a bada...:-D Grazie 1000!
    @Flavia, ma hai organizzato una coalizione con Stefania? :-DDD
    @Cris, alle volte dall'unione di cucine diverse si ottengono ottimi risultati ;-)
    @Cuoca particciona, se ti capita, provale, sono troooooppo buone! :-P
    @Letizia, grazie! Fabio quasi dubitava del risultato...ma poi si è dovuto ricredere ;-)
    Baci
    Anna Luisa

    RispondiElimina
  24. @Patrizia, grazie!!!
    @Carla, grazie dei complimenti! Non sai quanto mi farebbe piacere passartene qualcuna...magari la prossima volta ;-)
    @Acquolina, ammetto di non aver lasciato molto di svedese a queste polpette, ma la trasformazione partenopea le ha rese ottime :-P
    @Stefania, stavo giusto pensando che è un bel po' di tempo che non vinciamo....più o meno da quando hai cominciato a dire che vinciamo sempre...O_o :-DDD
    @Ale, ma come, sei stata a Napoli e non me lo hai detto...la prossima volta il caffè alla nocciola lo andiamo a prendere insieme ;-)
    @Le ricette dell'Amore Vero, volentieri, ma magari la prossima volta...ormai sono finite @_@
    @Lacoq, ti svelo un segreto, fino ad un paio di anni fa neanche io amavo il baccalà, poi ho iniziato a gradirlo molto...forse è un segno di vecchiaia...:-D Sono contenta che "Due colori" ti siano piaciuti ;-)
    Baci
    Anna Luisa

    RispondiElimina
  25. @Manuela, concordo pienamente con te, la globalizzazione ha i suoi lati buoni ;-)
    @Chiara, oltre che carine erano anche molto buone, da provare sicuramente ;-) Buon we anche a te ^_^
    @Italiansaalatti, grazie 1000 per i complimenti! ^_^
    @Roxy, certamente non si può...:-D Grazie per i complimenti!
    @Fausta, fortunatamente il troll era accompagnato da uno gnomo che ha salvato le polpette ^_^ Grazie 1000!
    @Pasticciona85, ma vuoi mettere un paragone con le polpette della mamma?... :-D Hai ragione, buone così non ne esistono ;-)
    @Carmine, anche l'occhio vuole la sua parte ;-)
    @Lisa, sono decisamente diverse dalle nostre polpette, ma per cambiare ogni tanto, ci sta ;-)
    @Letizia, anche le tue polpette sono bellissime e quella cremina poi, deve essere una goduria :-P Ma sei una critica gastronomica professionista? ;-)
    Baci
    Anna Luisa

    RispondiElimina
  26. 'Giorno! visto che si parla tanto delle polpette dell'Ikea adesso vi dico la mia. Io le ho mangiate si e no un paio di volte e rispetto a quelle che si comprano in giro gia pronte sono ok ma nulla di piu'...
    Grazie a Fabbio ed Anna Luisa per questo bel viaggio!

    RispondiElimina
  27. che buone le polpette di baccalà! mi piace anche l'abbinamento nel piatto con la scarola ottimo!
    ps anche a me piacciono le polpette ikea lo ammetto! :)

    RispondiElimina
  28. Ecco un altra volta....ma non ce storia con voi all' MTC.....!!Con queste polpette stile UE (europei uniamoci..) che fanno piangere pure Gambetto....!

    RispondiElimina
  29. @Alessandro, lo sai vero che dopo questa tua affermazione ti toccherà preparare le TUE polpette la prima volta che ci vediamo? :-D
    @Giò, non ci resta che creare un fanclub "gli amanti delle polpette dell'Ikea" :-DDD
    @Glu.fri, la tua definizione di UE mi piace da morire! :-DDD
    Baci
    Anna Luisa

    RispondiElimina
  30. RICETTA VERAMENTE CARINA E FOTO FANTASTICHE...UN BREVE COMMENTO NON POTEVO NON LASCIARLO...OGNI VOLTA CHE VISITO IL VOSTRO BLOG è SEMPRE UNA PIACEVOLE SORPRESA

    RispondiElimina
  31. Grazie Giusy, ci fa sempre un sacco di piacere quando vieni a trovarci.
    Anna Luisa e Fabio

    RispondiElimina