mercoledì 27 ottobre 2010

Giffonese o...piemontese?



Alcuni di voi leggendo questo post potranno pensare che la mia "Montersinite" stia evolvendo verso la guarigione, o, peggio, si stia trasformando in "DeRisite"...no, non una malattia cinese o un'attacco di riso, ma un'affezione che mi induce a preparare le torte di De Riso. In realtà la vera patologia è la "forumite"! Ormai dottori, teologi e all'occorrenza anche avvocati di tutta Italia la stanno studiando da tempo, all'incirca da quando ci siamo incontrati l'anno scorso per il raduno di Bordighera e, dopo incontri vari, utilizzando i corsi di cucina come scusa, ci siamo reincontrati quest'anno per il raduno di Siena. Perché effettivamente, noi del forum della Cucina Italiana più ci conosciamo, più ci viene voglia di trascorrere altro tempo insieme! Ora vi starete chiedendo cosa c'entri tutto ciò con il dolce che ho preparato oggi. Ebbene, c'entra eccome! Si, perché durante i raduni c'è uno scambio (per non chiamarlo pusheraggio!) di prodotti tipici e "caccavelle" di vario genere. Quest'anno, tra dolci, dolcetti, verdure, cremine, etc, etc. ho ricevuto uno stampo per crostata con fondo amovibile dalla Mapi (per chi non avesse ancora visitato il suo nuovissimo blog consiglio di farlo, perché è meraviglioso!), e delle buonissime nocciole del Piemonte da Licia, simpaticissima amica con cui abbiamo condiviso anche l'appartamento.Così, tornata a casa, non potevo certo non preparare qualcosa di buono con questi meravigliosi doni e così la scelta è ricaduta (si, un'altra volta!) su una torta di De Riso: la giffonese.
Il nome di questa torta deriva dal fatto che De Riso, chef di fama nazionale, ma al momento non fortunato come me, ha a disposizione le buonissime nocciole di Giffoni, un paese del salernitano. Ma io ho le nocciole piemontesi, e mica delle nocciole qualunque, quelle della Licia! Per cui, nocciole della Licia più stampo della Mapi, uguale Piemontese!



Giffonese di Sal De Riso (o Piemontese)

Ingredienti
Per la frolla alle nocciole:
400 g di farina 00
240 g di burro morbido
160 g di zucchero a velo
100 g di nocciole di Giffoni (^_^) tostate e ridotte in polvere
50 g di uova intere (n.1)
30 g di albumi d'uovo (n.1)
4 g di lievito in polvere oer dolci
3 g di sale
1 baccello di vaniglia

Per il ripieno alle nocciole
150 g di burro morbido
150 g di zucchero a velo
150 g di uova intere (n.3)
150 g di nocciole di Giffoni in polvere
2 g di sale
1/2 scorza di arancia

Per la crema al cioccolato e nocciole
250 g di cioccolato gianduia
80 g di panna liquida fresca
30 g di burro
30 g di pasta di purea di nocciole

Per la finitura
granella di nocciole

Con le fruste elettriche lavorare il burro con lo zucchero a velo fino ad ottenere una crema leggera montata, incorporate le nocciole in polvere (o comunque tritate fin emente) e poi aggiungete l'uovo, l'albume, il lievito, il sale e i semini di vaniglia. Amalgamate con una spatola e infine unite poco alla volta la farina setacciata. Lavorate brevemente l'impasto con le mani, formate una palla, avvolgetela nella pellicola trasparente e lasciatela riposare in frigorifero per qualche ora.
Preparate il ripieno alle nocciole. In una ciotola capiente montate leggermente il burro morbido con lo zucchero a velo, il sale e la scorza grattugiata dell'arancia. Incorporate una per volta le uova e poi le nocciole in polvere. Per la crema al cioccolato e nocciola, fate fondere a bagnomaria in un tegame a fondo spesso il cioccolato gianduia ridotto a pezzetti. A parte, portate a ebollizione la panna per 30 secondi e poi versatela sul cioccolato ottenendo una crema liscia e lucida. Unite, alla fine, il burro morbido e la pasta di nocciole. Emulsionate bene e lasciate raffreddare e stabilizzare per almeno 12 ore.
Ora, in una tortiera di 22 cm di diametro, stendere la pasta frolla spessa circa 5 mm. Farcire con il ripieno alle nocciole di Giffoni fino a tre quarti. Cuocere in forno caldo a 170 °C per circa 35 minuti. Ua volta raffreddata, sformate la torta su un piatto da portata e con una sac-à-poche dotato di una bocchetta riccia formate sulla superficie delle onde con la crema al cioccolato e nocciola. Cospargete sul bordo dei granellini di nocciole tostate.



Abbiamo portato questa torta a casa dei nostri amici Flavio e Giusy, come conclusione di un'ottima cena per inaugurare la loro casa...direi che come inizio non c'è male ;-)
Anna Luisa

23 commenti:

  1. io ho il libro si Sal De Riso! Lo guardavo sempre quando andava alla Prova del Cuoco (adesso è 1 anno che nn accendo la tv) e sbavavo ogni volta! La la psta di nocciole dove la prendi? O come la fai?

    RispondiElimina
  2. Fantastico questo spirito che anima i vostri incontri, ne avevo letto tramite le parole di Patrizia... insuperabile nel descrivere le situazioni e nel tradurre le emozioni!!!
    La tua torta ha un aspetto meraviglioso, tanti sapori nobili...il più importante?? Certamente quello dell'amicizia!!
    Bellissima la trovata della margherita di pasta...confesso d'essermela persa!
    Bacissimi, Fabiana

    RispondiElimina
  3. ...Allora siamo proprio malati anche di "pusheraggio-dipendenza"!!! Ho appena postato il pan carrè per usare il tagliafette perfette ricevuto da VAleria e Giorgio..ahahahahah..
    Anche io ho lo stampo da pie di MAry Pie...e anche le fantastiche nocciole di Licia....dimmi una cosa: le tosti e poi levi la pellicina ...o come fai???
    Grazie...direi che la De Risite l'avrei anche io...anche se ancora non mi sono azzardata ad eseguire ( e ho entrambi i libri!!!!)...non sono ai tuoi altissimi livelli!!!
    Attendo numi sulle nocciole....che nel frattempo ho nascosto..perchè il maritozzo...se le stava finendo tutte!!!!

    RispondiElimina
  4. non la voglio nemmeno guardare..non devo non devo..mi sa che domenica, che ho ospiti, la faccio:D

    RispondiElimina
  5. Veramente golosissima questa torta, del resto è di un signor pasticcere fatta da una bravissima cuoca.............. meglio di così non si poteva chiedere ........... mi resta solo da farla per poterla anche gustare oltre che guardarla al pc

    Bravissima
    smack Manu

    RispondiElimina
  6. Ciao ragazzi! continuate pure a persistere nella vostra montersinite e derisite, se i risultati sono di questo tipo!!! Questa torta è perfetta ed è inutile dire che la addenterei volentieri! vi aspetto sul mio blog per sfogliare il pdf della raccolta "Il pane secco non si butta"... Buona giornata
    Vale

    RispondiElimina
  7. mamma mia che golosità e come invidio la copertura perfetta ciao Ely

    RispondiElimina
  8. AnnaLù questa torta è favolosa!
    Salutami Giusy!

    RispondiElimina
  9. Mai vista una crostata così buona!!!

    RispondiElimina
  10. bello il vostro blog!
    ...dolce notevole! io la chiamerei decisamente La Giffonese... ma sono di parte :D

    RispondiElimina
  11. Io comincio a essere un po' seccata: a Siena la montersinite non l'ho presa, in compenso sono stata contagiata dal virus di Fabio e mi sono messa a parlare di Bloggy Building... com'è questa storia??? :-D

    Magnifica questa torta, davvero una favola. Ci credi se ti dico che io il MIO stampo da pie non l'ho ancora inaugurato? Ma quasi quasi, con questa ricetta... :-D

    Salutami tanto Giusy!

    RispondiElimina
  12. è stupendissima, ma meno male che mi manca sia lo stampo che le nocciole del piemonte!!

    RispondiElimina
  13. ................................................................................................................................................................................................................................................................................................
    (senza parole)
    ale

    RispondiElimina
  14. @Cleare, fortunatamente la pasticceria di De riso non dista molto da casa mia, quindi di tanto ci faccio una capatina :-P La pasta o crema di nocciole la prendo nella mia farmacia, e della Fio di Loto ;-)
    @Mirtilla, concordo, ma devo dire ERA golosissimo! ^_^
    @Fabiana, è vero. i nostri incontri sono sempre bellissimi perché oltre all'interesse per la cucina sono nate delle bellissime amicizie. Grazie, sono contenta che ti siano piaciuti i miei piatti ^_^
    @Flavia, hai ragione è una malattia...una bellisima malattia ;-) Le nocciole le sguscio, le immergo in acqua bollente e spengo il fuoco, le lascio due minuti, le scolo, le pelo e poi le tosto in forno caldo.
    @Genny, hai ragione, non guardarla...provala direttamente! :-D
    @Manu, grazie!!! ^_^ sei trooooppo gentile!!! @_@
    @Vale, sono due malattie pericolose, ma...piacevoli ;-) Passeremo sicuramente da te ;-)
    @Ely, era una copertura veramente buona e penso che la userò anche per altre torte ;-)
    @Nadia, grazie!!! Giusy ricambia i saluti ^_^
    @Francesca, grazie anche a te!!! Vorrei fartene provare una fetta...una vera goduria :-P
    @Gio, grazie per i complimenti e per essere venuto a visitare il nostro blog...mi pare di capire che tu sia campano come noi ;-)
    @Mapi, la cosa è preoccupante, anche perché il contagio di Fabio non ha ancora un vaccino! :-D
    Il tuo stampo è perfetto per questa torta...prova e mi dirai ;-)
    @Valeria, provala anche con un altro stampo e le nocciole non piemontesi...sono certa che ti verrà buonissima ;-)
    @Ale, posso dire di essere rimasta senza parole perché TU sei senza parole? :-DDD
    Baci
    Anna Luisa

    RispondiElimina
  15. Molto,molto...stupenda.Lisa.

    RispondiElimina
  16. Che goduriaaaaaaaa!!!
    Voglio provarla ssolutamente!
    Giffonese o piemontese...anche siciliana,genovese,valdostana...potevate chiamarla come vi pare questo dolce è spettacolare!
    Bravissimi^_^

    RispondiElimina
  17. Oddio che buona questa torta! Ne avevo già sentito parlare ma adesso ho capito che la devo assolutamente provare perchè è veramente una delizia! Posso "rubarti" la ricetta?! in cambio puoi rubarne una delle mie! ;-D Bravissima, è davevro stupenda!

    RispondiElimina
  18. @Lisa, grazie!!! Oltre a presentarsi bene...è anche molto buona ;-)
    @Cranberry, Sei troppo gentile!!! Hai ragione, è buona e basta ^_^
    @Mirtilla, ceeeeerto che puoi rubarla...corro a rubarti una ricetta anche io ;-)
    Baci
    Anna Luisa

    RispondiElimina
  19. Io invece ho le stesse nocciole, ma mi manca lo stampo...quindi non si può fare..hihihi mi accontenterò di godermi questa meraviglia qui nel vostro bellissimo blog. Un bacione a tutti e due e salutatemi Giusy!!!

    RispondiElimina
  20. Come ti ho già detto su CI mi hai sconvolto il programma dolciario del 3we!!! Non ho le nocciole piemontesi, però!
    Valeria

    RispondiElimina
  21. Anch'io non ho le nocciole piemontesi, pero' ho lo stampo giusto........... solo lo stampo non basta vero?????????
    (copiata e rinviata a Natale..da domani dieta e quindi.........)!!!
    Ciao!!!diana

    RispondiElimina
  22. Sabrina, Valeria e Diana, dunque, una ha lo stampo, l'altra ha le nocciole e l'altra...tanto stai a dieta :-D Mi sa che dovete condividere i vostri beni! :-DDD
    Baci
    Anna Luisa

    RispondiElimina