martedì 14 settembre 2010

Ricominciamo...dall'antipasto! Zuppa di funghi e pane di segale

Dite la verità: avevate pensato che Fabio mi avesse lasciata in Islanda? :-D
Ebbene, no...anche se forse un pensierino ce lo ha fatto ;-)
Mi sono semplicemente presa una piccola vacanza extra dai fornelli...o per meglio dire, sono stata assalita dal lavoro arretrato e soprattutto dalle pulizie di casa, per cui non ho avuto proprio il tempo per spadellare e, come ha detto Fabio, in due settimane l'unica cosa che ho preparato è stato il caffè!
Ora però che ho ritrovato il bandolo della matassa, eccomi qui, più attiva che mai ;-)
Dato che però il racconto di Fabio sul nostro viaggio in Islanda non è ancora terminato, ho pensato che oltre a vedere le meraviglie che abbiamo potuto ammirare sull'isola, avreste gradito anche assaporare qualche piatto tipico. Devo però fare una premessa: ammetto che prima di partire ho annunciato a tutti che sarei tornata sicuramente dimagrita perché certamente non mi potevo aspettare dei manicaretti in un Paese dove il piatto nazionale è lo squalo putrefatto! Ed invece...mi sono ritrovata in una nazione dove non solo sanno cucinare benissimo, ma hanno anche una cura nelle presentazioni, degne dei ristoranti di alto livello. Così a metà viaggio ho comprato un libro di ricette islandesi, dopo qualche giorno ne ho comprato un secondo e solo perché frenata da Fabio, ho desistito dall'acquisto di un terzo!
Sicuramente ho abbastanza materiale da potervi proporre un pranzo islandese e come ogni pranzo che si rispetti sull'isola, si parte dall'antipasto.
In tutti i ristoranti tra gli antipasti non poteva mancare la zuppa del giorno o comunque una zuppa, sempre accompagnata da uno degli ottimi pani islandesi, per cui oggi vi propongo la zuppa di funghi con il pane di segale.



Zuppa di funghi

Ingredienti:
200 g di porcini
1 cipolla
50 g di burro
1L e 1/2 di brodo
100 g di panna da cucina
sale e pepe

Pulire con delicatezza i funghi, rimuovendo ogni residuo di terra. Tagliarne una metà grossolanamente e l'altra metà molto finemente ed aggiungerla alla cipolla, anch'essa tagliata fine.
Mettere la metà del burro in una pentola e farlo sciogliere a fuoco medio. Aggiungervi i funghi tagliati a pezzi più grossi. Fare cuocere per 2-3 minuti, quindi toglierli dalla pentola e metterli da parte. Mettere il restante burro nella pentola, con i funghi e la cipolla tagliati fine e farli cuocere 2-3 minuti. Aggiungere il brodo e cuocere 5 minuti. Aggiungere i funghi messi da parte e cuocere altri 2-3 minuti. Aggiungere la panna solo poco prima di servire e del sale se è necessario. Servire la zuppa accompagnata da fettine di pane abbrustolito.




Pane di segale

Ingredienti:
500 g di farina Manitoba
250 g di farina di segale
600 ml di latte
2 cucchiaini di zucchero
4 cucchiaini di lievito (baking powder)
2 cucchiaini di sale

Mescolare gli ingredienti secchi in una ciotola, aggiungervi quindi il latte poco alla volta e mescolare prima con un cucchiaio e poi con le mani. Impastare bene, quindi disporre l'impasto in uno stampo da plumcake precedentemente infarinato e cuocere in forno preriscaldato a 180°C per 1 ora e 1/2.


Questa ricetta la dedico ad Alessio, il nostro compagno di viaggio vegetariano, che a causa dei menù che non lo favorivano, credo abbia provato le zuppe di tutti i ristoranti in cui abbiamo cenato.

Anna Luisa

13 commenti:

  1. Decisamente ottima questa zuppa, con l'arrivo dei primi freddi è perfetta per scaldare la serata. Accompagnata dal pane di segale, che mi piace molto, è ancora più gustosa. E' anche molto veloce questo pane, se non ho letto male è con lievito chimico vero?
    Un bacio, buona giornata

    RispondiElimina
  2. Insomma...anche in islanda un pò si mangia no?Un inizio gustoso ma delicato...attendiamo il seguito con curiosità!
    bacioni

    RispondiElimina
  3. quante volte te l'ho detto che ti adoro?
    e ora che hai gli unici due libri di cucina che mi mancano :-)))) ancora di più....!!!
    bentornata!!!!!!
    ale

    RispondiElimina
  4. Che bella dev'essere l'islanda...e il cibo...mi affascina molto! Dev'essere davvero deliziosa questa zuppa! Ottima ricetta... a quando la prossima?!? ^__^ ps: ah, quasi dimenticavo... piacere di conoscerti!!!! :-D

    RispondiElimina
  5. Ciao,oggi ritorno a casa dopo una degenza forzata,ti ritrovo e sono felice;mi piace molto questa tua ricetta,brava.A presto,Lisa.

    RispondiElimina
  6. Finalmente!!! Evviva gli islandesi!!! perché? Perchè non mettono la farina nelle zuppe! E quindi, squalo putrefatto a parte, promossa a pieni voti!!!
    P.s. Per il pane? Lo faccio gluten free!

    RispondiElimina
  7. @Federica, hai ragione, è un piatto adatto per i primi freddi ed il pane è velocissimo da preparare (ho fatto l'impasto mentre il forno arrivava a temperatura ;-)). Ho utilizzato il baking powder che è il lievito chimico ;-)
    @Manuela e Silvia, si mangia ed anche bene...infatti anche questa volta al mio ritorno la bilancia è stata inclemente :-(
    @Ale...che delusione, non hai neanche un libro di cucina islandese?...da te non me lo sarei mai aspettato :-D
    @Mirtilla, piacere mio ^_^ Se vuoi sapere altro sull'Islanda, segui il fotoracconto di Fabio qui sul blog ;-)
    @Lisa, spero che ora tu stia meglio, anche perché...i fornelli ti aspettano ;-)
    @Stefania, è vero, nella zuppa non c'era farina...ma era buona lo stesso ;-)
    Sono certa che il pane ti verrà benissimo anche con la farina senza glutine ^_^
    Baci
    Anna Luisa

    RispondiElimina
  8. Io avevo lanciato degli appelli: siamo arrivati a pensare che fossi fuggita con un geologo!!!!ahahahahah buona la zuppa di funghi, grazie Annalù...ci sei mancata, baci Fla

    RispondiElimina
  9. @Flavia, anche io ho sentito la vostra mancanza ^_^
    Per quanto riguarda il geologo...rimanga fra noi, ma preferisco Fabio ;-)
    Baci
    Anna Luisa

    RispondiElimina
  10. Annalù non avevo dubbi...Fabio oltre che essere bravo con le foto è pure simpatico (se già penso a qualche nostra risata senza sosta...di quelle che quando partiamo non ci fermiamo più...e se penso a quello che succederà a Siena!!).... senti ho giusto il bakuing powder,.... mi confermi che il pane è buono???

    RispondiElimina
  11. Flavia, mi sa che dovremo preparare i fazzoletti per Siena...per le lacrime che ci verranno dal ridere!!! ^_^
    Il pane è buono, ma è compatto, tipico dei pani nordici. Adatto per zuppe o per bruschette...ma a me è piaciuto anche così ;-)
    Baci
    Anna Luisa

    RispondiElimina
  12. La cosa che rimpiango sicuramente di più del viaggio in Islanda è che andando in camper (camperino in realtà, per due) abbiamo risparmiato i soldi di vitto e alloggio ma non siamo mai andati a mangiare fuori (a parte qualche dolce o spesa nel supermercato). Il vantaggio economico è stato enorme ma mi sarebbe piaciuto provare un po' di vera cucina islandese. Grazie, quindi, per tutte queste dritte :)

    RispondiElimina
  13. Noi siamo rimasti molto soddisfatti della cucina islandese. Davvero non avremmo mai pensato di mangiare così bene e tutte le portate erano sempre molto curate anche nell'aspetto.
    Fabio

    RispondiElimina