mercoledì 14 aprile 2010

Verde speranza?...noooo, verde pistacchio! Langaroli con chantilly ai pistacchi

Di tonalità di verde ce ne sono tante: verde prato, verde acqua, ma oggi avevo proprio voglia di un verde... pistacchio! Mi era rimasta della pasta di pistacchi utilizzata per preparare i  cioccolatini per le 99 colombe e così mi sono chiesta come utilizzarla. Ispirata dalla mia " montersinite" ed avendo ancora voglia di mignon (si vede che gli antipasti non mi sono bastati), ho deciso di preparare delle mini-langaroli al pistacchio (ovviamente la ricetta è tratta da "Tiramisù e chantilly" di Luca Montersino). Ho preparato la torta ed ho tagliato dei quadrotti, che con la loro bontà, tra il croccante della parte esterna e la scioglievolezza della chantilly al pistacchio, sono finiti molto velocemente e così mi è venuto in mente un altro verde, un bel verde speranza...quello della speranza che la bilancia domani sia clemente...nonostante tutto!



Langaroli con chantilly ai pistacchi

Ingredienti
300 di crema pasticcera preparata con
150 ml di latte intero
 40 g di panna
 60 g di tuorli
 50 g di zucchero semolato
 8 g di amido di mais
 7 g di amido di riso
 1 baccello di vaniglia

3 fogli di colla di pesce
300 g di panna montata
100 g di pasta di pistacchi

400 g di dacquoise alle nocciole preparata con
100 g di albumi
 65 g di zucchero semolato
 100 g di farina di nocciole
 70 g di zucchero semolato
 25 g di farina di riso

80 g di gocce di cioccolato
80 g di nocciole in granella
100 g di gelatina neutra



Preparare la crema pasticcera. Portare a bollore il latte con la panna ed i semi di vaniglia. Nel frattempo montare in planetaria con la frusta i tuorli e lo zucchero, fino a ottenere una consistenza spumosa, poi incorporare gli amidi sempre montando. Versare il composto sopra il latte in ebollizione ed aspettare che si formino dei piccoli "vulcani" causati dal latte bollente, amalgamare bene il tutto con la frusta. Aggiungere la pasta di pistacchi e la gelatina precedentemente ammollata e mescolare bene. Togliere dal fuoco e stendere la crema su una teglia, coprirla con la pellicola trasparente a contatto con la crema stessa farla raffreddare fino a 30°C. Incorporare la panna montata.
Preparare la dacquoise. Montare gli albumi con 65 g di zucchero, aggiungere la farina di nocciole miscelata al resto dello zucchero e alla farina di riso. Stendere il composto in una teglia rivestita con carta forno, spargere sopra la granella di nocciole e le gocce di cioccolato e cuocere in forno a 180°C per 7 minuti.
Sul fondo di un quadrato di acciaio stendere un foglio di dacquoise con le nocciole rivolte verso il basso, quindi versarvi la crema chantilly e ricoprire con un secondo strato di dacquoise, questa volta con le nocciole verso l'alto. Porre il dolce in congelatore. Prima di servire, sformare il dolce, versarvi sopra la gelatina neutra e tagliare in trancetti regolari.

Note mie: ci sarebbero voluti i pistacchi al posto delle nocciole, ma non trovandoli...si fa quel che si può...
Ho cotto la dacquoise 20 minuti perché non mi sembrava abbastanza cotta prima.

Anna Luisa

15 commenti:

  1. Alta pasticceria! ^_^
    Hanno un aspetto regale...
    baci

    RispondiElimina
  2. Stupendo, elegante e delizioso questo desser! davvero complimenti...io non mi son mai cimentatain preparazioni così ben montate e d'effetto!

    RispondiElimina
  3. sono stupendi!
    Me ne mettete da parte uno?
    a presto,
    Alessandra

    RispondiElimina
  4. Adoriamo i pistacchi..dolci o salati...ma proprio non vi resistiamo! ottima questa torta: dolce e croccante allo stesso tempo!! e così in bocconcini...davvero uno tira l'altro!!
    un bacione

    RispondiElimina
  5. Ma che meraviglia!!!! Complimenti davvero..alta scuola...!
    un saluto
    simona

    RispondiElimina
  6. ahhaha Il titolo del post mi ricorda qualcosa.. ;0)
    Sul pistacchio sai come la penso .. Number ONE.. Quindi.. Grande piatto veramente alta pasticceria.. ma qui si sta a livelli stratosferici.. Certo io guardo ma non gusto.. ecco quetso non va' !! No No No..
    Grande Annalu'

    RispondiElimina
  7. adoro il pistacchio....
    questo dolce è veramente raffinato e goloso.
    Complimenti

    RispondiElimina
  8. Con una ricetta così chissenefrega della bilancia credimi!!!
    Davvero alto livello, io vado in confusione solo a leggere gli ingredienti!
    Sonia

    RispondiElimina
  9. concordo con ultimo commento :scusate ma con dei dolcetti così...chissene della bilancia!!!! :-)
    il pistacchio mi piace da matti sia come gustoche come....colore!!!

    RispondiElimina
  10. non ho più parole- il che, detto da me, vale quadruplo.
    Sei uno spettacolo
    ale

    RispondiElimina
  11. sembrano ottimi davvero! vorrei tanto assaggiare... mmmm.... complimenti per questa ricetta e per tutto il blog! buona giornata :)

    RispondiElimina
  12. veramente notevoli!
    te li copio di sicuro!!! :D

    RispondiElimina
  13. Che dire che non sia stato gia' detto???
    Elegantissimi, stupendi, delicati, sempre piu' bravi!!!
    diana

    RispondiElimina
  14. @Pagnottella e Chiara, grazie, siete trooooppo gentili!!!
    @Terry, all'inizio ero titubante anche io, ma poi mi sono resa conto che una volta presa la mano si fanno abbastanza semplicemente...;-)
    @Alessandra, ehm, come dire?...magari te li rifaccio...sono finiti subito! ;-)
    @Manula e Silvia, ammetto di avere anche io una passione per i pistacchi...quando riesco a trovarli...;-)
    @Simona, grazie infinite!
    @Alessà, quando li rifaccio ti faccio uno squillo...;-)
    @Riccardo, grazie 1000 anche a te!
    @Sonia e Roby, è quello il problema che a forza di garsene della bilancia...i miei vestiti se ne fregano di me e non mi entrano più...:-DD
    @Alessandra...senza parole....:-DD
    @Tibia, benvenuto e grazie anche a te!
    @Neapolitan cook, fammi sapere, quando li provi...;-)
    @Diana sempre gentilissima!!!
    Baci
    Anna Luisa

    RispondiElimina