mercoledì 3 marzo 2010

Non tutti i bagels riescono col buco...Bagels al salmone



Le colazioni americane: il sogno di ogni goloso di questo pianeta! Un assortimento di piatti dolci e salati, di torte, pasticcini, uova preparate in vari modi, salsicce, bacon, pancakes, muffins e...bagels! Si, perchè per me non può esistere una colazione americana senza un buon bagel con philadelphia (la ricetta americana prevede cream cheese) e salmone, un classico, ma vi assicuro veramente buono. Mi fa tornare alla mente New York e l'ultimo giorno, quando acquistammo un paio di bagels in più alla tavola calda dove facevamo la colazione, per pranzo. Ricordo che consumammo quegli ottimi bagels stesi sotto un albero a Central park, mentre i bambini si rincorrevano e i ragazzi passeggiavano in bicicletta...insomma, una classica scena da film americano. Spero che la nostra amica Stefania, che è andata in questi giorni a New York, si stia godendo la città nonostante la neve e che ritorni anche lei con quella specie di mal d'Africa che ho battezzato "newyorkite".
Tornando ai nostri bagels, questi panini a ciambella, che possono essere ricoperti con semi di sesamo oppure essere lisci, sono di origine ebraica. Nella versione originale non c'è lievito, ma personalmente ho trovato nel web, sul forum al femminile, questa versione con lievito di birra, che ho leggermente modificato ed ormai è diventata una garanzia per me. Capisco che da noi non si faccia spesso una colazione tipo quella americana o comunque una colazione in cui si mangino panini al salmone (!), ma i bagels si prestano bene anche come antipasto, magari in versione mini, per uno spuntino oppure per un buffet.




Bagels

225 ml di latte bollente
50 g di burro
25 g di zucchero
15 g di lievito di birra
un po' di sale
1 tuorlo
400 g di farina Manitoba
2 cucchiai di latte

Versare il latte bollente in una ciotola, aggiungere il burro e lo zucchero e fare sciogliere il tutto. Appena è tiepido, sciogliervi il lievito di birra. Disporre la farina a fontana ed aggiungere il sale. Versarvi al centro il latte con il lievito ed impastare. Fare lievitare per un'ora. Trascorso il tempo, stendere l'impasto dello spessore di 2 cm circa e con un coppapasta pagliare le ciambelle. Praticare un foro all'interno con il dito, allargandolo bene perchè cuocendo tende a chiudersi. Fare riposare 15 minuti. Trascorso questo tempo, immergere i bagels nell'acqua bollente per 20 secondi e sistemarli in una teglia da forno. Spennellerli con il tuorlo diluito con un po' di latte (a piacere decorarle con i semi di sesamo, ribaltandoli in un piattino in cui si saranno messi i semi.), ed infornare a 180°C per 15 minuti circa.



Buon appetito, anzi, buona colazione!
Anna Luisa

15 commenti:

  1. wow! bellissimi questi bagel... e poi ai ragione, vanno benissimo anche per uno spuntino, e sono perfetti in un buffet.. credo che a colazione potrei mangiarli solo nel contesto americano... però mai dire mai... complimenti e un abbraccio!

    RispondiElimina
  2. Niente formaggio, per me...un po' di burro salato vabene lo stesso? Questi bagels sono deliziosi...e noi adoriamo le colazioni così!! Alla facciaccia delle diete, che c'è di meglio per iniziare bene una giornata??
    Baci!

    RispondiElimina
  3. Ciao! a noi piacciono moltissimo questi bagel! davvero ricercati nell'aspetto e nel sapore!
    mai provato a farcirli!
    baci baci

    RispondiElimina
  4. @Vale, in realtà anche noi difficilmente li mangiamo a colazione...magari se si organizza un brunch a casa...;-)
    @Patrizia, di tanto in tanto bisogna anche dimenticare la diete...^_^
    @Manuela e Silvia,provateli, farciti sono eccezionali!!! :-9
    Baci
    Anna Luisa

    RispondiElimina
  5. ma nooooo.... mi è venuta una fame assurdaaaaaaaaaa!!!!!!!!!!
    li voglio provare quanto prima!
    complimenti!!!!

    RispondiElimina
  6. mai mangiati e mai cucinati, mi sembra così difficile ma vorrei provare... sicuramente alla mia ciurma piacciono di sicuro! ciao Ely

    RispondiElimina
  7. Non vorrei dire la mia solita scemata, ma l'origine dovrebbe essere ebrea. A Gerusalemme li vendono per strata e sembrano tante matasse di lana, più lunghi e più stretti di quelli americani. Il sapore è lo stesso- solo che ne puoi mangiare di più, anche se è uno solo :-)
    fino all'anno scorso, facevo i mini bagels per i buffet, perchè ci si fiondavano sopra come cavallette. Poi ho smesso, perchè era troppo faticoso (200 alla volta, un'impresa): però, questo post mi invoglia parecchio...
    Sempre bravissimi, come sempre
    ale

    RispondiElimina
  8. Betty, provali e fammi sapere ^_^
    @Ely, ti assicuro che sono più difficili a dirsi che a farsi ;-)
    @Ale, confermo l'origine ebraica ;-)...effettivamente prepararne 200 alla volta è un po' troppo...ma penso che ne mangerei almeno la metà da sola...^_^
    Baci
    Anna Luisa

    RispondiElimina
  9. Non parlatemi di salato a colazione: è una cosa che proprio non sopporto, neanche l'odore. Però i bagels mi piacciono e qualche volta li faccio con una ricetta simile alla tua.
    Valeria

    RispondiElimina
  10. Bagels che goduria!!!grazie per la ricetta, bravi siete una certezza.
    diana

    RispondiElimina
  11. Che bella questa ricetta, AnnaLu, te la copio senz'altro!

    RispondiElimina
  12. Adoro la cucina straniera e devo dire che questa ricetta mi ispira molto! Credo che presto proverò a farli..
    Oltre a Phiiladelphia e salmone, con cosa mi consigli di provare a farcirli?

    RispondiElimina
  13. @Valeria, anche noi le prime volte eravamo restii a consumare una colazione salata...poi ci siamo convertiti! ^_^
    @Diana, ci fai arrossire ;-)
    @Maurina, lo so che hai un debole per i lievitati...e ti capisco...^_^
    @Chiara, puoi farcirli come preferisci. Ci vedrei bene alche un'insalata russa magari nei mini-bagels, oppure un vitello tonnato per uno stuzzichino estivo. Pensa che in Canada ci sono stati serviti anche con uova strapazzate e bacon all'interno...giusto per rimanere in tema...^_^
    Baci
    Anna Luisa

    RispondiElimina
  14. Arrivo tardi ma che belli .. I miei preferiti mi fai venire una voglia ... Grazie Annalù

    RispondiElimina
  15. Alessà, noi li adoriamo, in tutte le versioni. Ma così sono il massimo!
    Baci
    Anna Luisa

    RispondiElimina